Eduardo Ambrosio


Vai ai contenuti

Menu principale:


... E A NAPOLI

VARIE > GEMME DI SAGGEZZA

GEMME DI SAGGEZZA


… E a Napoli

- va’ chian’ ch’ vac’ e’ press’.


- ‘a sciortà do’ piecor’: nasce cornuto e more accis’.

- patatè vot’ ‘a rot’ pigl’ ‘e fess’ a un’ a vot’.

- sciorta scio iesc’ fammet’ sputà ‘n facc’.

- sciorta e cazze ‘n cul’ viat’ chi ‘nnvav’.

- anema ‘e chillu marito mio chiammete a chist’ che sta p’ ‘a via.

- si 'a mmiria foss’ cogl’, ognun’ s’ ‘a schiattass’.

- n’ ‘agg’ scavorat’ strunz’, ma tu aiesc’ che pier’ a for’ a’ tian’.

- quann’ ‘o voio nun vo’ vev’ ai vogl’ do siscà’.

- è venut’ viernì pe’ mal’ vestut’, mal’ a me ch’ c’ ‘iagg’ ‘ncappat’.

- Chi nun’ vulett’ se ne futtett’ diciassett’.

- Po’ paré brut’ m’jagg’ ‘nguiat’ l’esistenza.

- O monac’ o serv’ ‘e ddie amment’ nun’ trov’ ‘o par’ mie.

- ‘a sciort’ ‘e cazzet’ jett’ a piscià e se ne carett’.

- ‘a disgraz’ ‘e pullcenell’ è quann’ chiov’ fin’ fin’.

- nu’ sord’ ‘a musurella e chill’ amich’ semp’ dorm’.

- Marì Marì si te vuò’ provver’ sai ‘a via.

- bona sera e bona nott’, ‘o lup a ret’ ‘a port’, ‘o lup’ ‘a ret’ ‘a casa, ‘o malamente esc’ e ‘o buon’ tras’.

- Signò’ dalle ‘e lum’ o miettil’ ‘nmieze ‘e lum’.

- ‘o llatt’ ‘e piett’ nun’ va co’ liett’.

- chiu' nera 'ra mezanott' nu' po' venì.

Un morto giovane viene accompagnato
a bott' 'e cazz': ....è mmuort' chill'!, come ... è mmuot' , ecc.


Motto borbonico:
FACIT' AMMUIN'



PUOZZ' SCULA' (deriva dalla pratica della mummificazione - soprattutto a Procida - dove le salme venivano appese per essiccarle "scolando" i liquidi. Quando la essiccazione non era perfetta subentrava O' SCHIATTAMUORT' che punzecchiava la salma per favorire l'uscita dei liquidi residui)





IL PROBLEMA DELLA MONNEZZA IN EPOCA BORBONICA
Nel 1832 (3 maggio) un decreto di Ferdinando II di Borbone recitava: <<
Tutt'i possessori, o fittuarj di case, di botteghe, di giardini, di cortili, e di posti fissi, o volanti, avranno l'obbligo di far ispazzare la estensione di strada corrispondente al davanti della rispettiva abitazione, bottega, cortile, e per lo sporto non minore di palmi dieci [circa 2,5 metri] di stanza dal muro, o dal posto rispettivo. Questo spazzamento dovrà essere eseguito in ciaascuna mattinaprima dello spuntar del sole, usando l'avvertenza di ammonticchiarsi le immondizie al lato delle rispettive abitazioni, e di separare tutt'i frantumi di cristallo, o di vetro che si troveranno, riponendoli in un cumulo a parte>>. Nel documento, composto da 12 articoli, venivano indicate le modalità di raccolta e chi ne era responsabile; si vietava di gettare dai balconi materiali di qualsiasi natura, comprese acque utilizzate per i bagni, e di lavare o di stendere i panni lungo le strade abitate; venivano, infine, stabilite le pene per le contravvenzioni,non eclusa la detenzione.


Torna ai contenuti | Torna al menu